Io ci ho provato ad imparare l’amore ma tu mi sembri più confusa di me.

Io ci ho provato ad imparare l’amore ma è più forte di me, tu mi sembri più confusa di me. Amica, sto parlando proprio a te.

“Oggi neanche mi difendo
Sempre gli stessi errori
Dove c’era il mare adesso è solo fango
E come un valzer la domenica in periferia
Tra le campane e le sirene della polizia
C’è una bambina che abbraccia sua madre
Che sembra la mia
Mi sento come un manichino dentro una vetrina
Non sa di miele questa vita forse di aspirina
E c’ho provato a imparare l’amore
Ma è sempre così
Non riesco a capire
Cos’è E quanto tempo ci vuole
Per abbracciarsi la notte
In strada anche se piove
Senza chiedere mai
Senza capire mai
Senza capire
Ti ho dato un pezzo di cuore
Mi prendo tutte le colpe….”

Tu che hai il cuore in mille pezzi, un po’ scomposto, stropicciaticcio, tu che ci credevi davvero e cercavi di dare un senso ad ogni perché. Ma l’amore non è un gioco, non puoi premere rewind quando ti pare. Noi che proviamo a colmare i nostri vuoti con degli amori impossibili ci fracassiamo solo. Siamo un po’ masochiste, ammettiamolo. E’ come se ci buttassimo dal trentesimo piano di uno skyline senza paracadute. Noi che proviamo a dare un senso sempre a tutto. Amiche, basta flagellarci. Basta fracassarci. Esistono gli amori semplici. Quelli che ti tendono la mano. Che ti porgono il braccio salvifico e noi invece amiamo scottarci, raggrinzirci su noi stesse e fare finta che vada tutto bene. Per tornare a sorridere poi, come se niente fosse. Dovremmo fare così. Andare da chi ci ha rotto il cuore e dire. “Ehi , tu lo sai mi hai rotto il cuore ma certe donne non sono fatte per essere domate” come Carrie Bradshaw che guarda fiera la criniera di un cavallo. Ribelle come i suoi ricci spettinati.

Eppure tiriamo su la cerniera del nostro giubbotto e ci perdiamo in un gelato e con un sorriso stampato sul volto diciamo “Va tutto bene.”

Ehi, amica. Non mentire. Lo so, sei più confusa di me in questo gioco balordo e malandrino.

Ma gli amori, lo si sa sono come le partite a poker. Vince chi ha una manica di assi.

E noi più che maniche di assi abbiamo capelli spettinati e cuori selvaggi da librare nel vento. Anche se ci urlano:” Ragazzina , oggi proprio non ti sto capendo”.

E niente amica, ti ho dato un pezzo di cuore ma sono più confusa di te. Non riesco a capire cos’è. L’amore…

2 pensieri riguardo “Io ci ho provato ad imparare l’amore ma tu mi sembri più confusa di me.

  1. Se posso, da persona con i capelli bianchi, smetti di pensarci; più ci pensi, e più rischi l’ossessione; un giorno, mentre farai altro (scrivi, ché lo fai benissimo), Amore arriverà.

    "Mi piace"

  2. Sto scrivendo assiduamente – non so fare altro – e mi pagano per questo.
    Guadagni irrisori, carissimo.
    Ma la mia vera ossessione è una bella prosa, in tutte le sue forme.
    Grazie per il complimento!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.