La bellezza dei trenta anni

Non sono magnifici i trent’anni? Quando non ti importa più del trucco e ti prendi libertà infinitesimali? Di andare in giro spettinata, ad esempio. Ecco. Andare in giro spettinata è una cosa che adoro. Girare per il quartiere con la tuta, la coda, il giacchetto di pile. Perché tanto le nostre esperienze le abbiamo già vissute. Anzi stravissute. Abbiamo iniziato a metterci i tacchi a 17 anni, a truccarci sotto il banco e adesso vogliamo apparire così: esattamente come siamo. Senza aver paura di nascondere le maniglie dell’amore.

Amiche, i trent’anni comportano una serie di libertà infinitesimali.. Siamo state on the road come Kerouac con il vento selvaggio dalla nostra parte e con il peyote, siamo state ai gran balli senza essere grandi dame anche se ci chiamavano madame (lo sappiamo che in fondo non siamo delle signore), abbiamo conosciuto il sesso in tutte le sue sfaccettature e adesso di questo bagaglio che ne facciamo? Magari siamo alla soglia della laurea e ci chiediamo: cosa ne faremo della nostra vita? Eppure i 30 sono meravigliosi. Senza tutti quei cliché appiccicaticci sul fondoschiena o sul lato destro del cuore, senza retaggi provinciali possiamo assaporare la vera libertà. Che si per carità, quella di Kerouac con il peyote era bella, ci faceva sentire vive ma adesso siamo più libere. Libere di andare in giro senza trucco. Ecco in quel non volere maschere è dischiuso il senso della nostra libertà. Libere di farci una sana scopata senza sensi di colpa annessi. Libere di riscoprirci in quanto donne perché la parte teen che ivi abitava è terminata. Libere ma perse in una strana misantropia: che ne sarà del nostro futuro? E mentre anneghiamo o diserediamo questa incerta titubanza ci beviamo un Aperol Spritz e pensiamo che tutto sommato non siamo male. ” Ne ha combinate quella teenager” riflettiamo sogghignando, mentre giochiamo con i cubetti di ghiaccio con la cannuccia dello Spritz. Che importa se siamo sole, abbiamo un gatto anzi una fattoria ( 🙂 ), il tanto ivi decantato futuro NON ESISTE e come le memorie dal sottosuolo c’è una lista di lunghi spasimanti che non andavano bene perché NO (il nostro mantra, peggio di una Nam miho renge kyo). Andiamo in giro senza trucco. E’ questo il bello. Tutto sommato andiamo in giro senza trucco.

Sogni capitolini e che l’audacia sia sempre con voi.

Che ne ho fatto della mia vita?-La solita domanda tipica dopotutto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.